UA-63377666-1

Ok

En poursuivant votre navigation sur ce site, vous acceptez l'utilisation de cookies. Ces derniers assurent le bon fonctionnement de nos services. En savoir plus.

09/08/2010

Edna O'Brien

J'ai été fascinée par cette interview de l'écrivain irlandaise Edna O'Brien réalisée à l'occasion de la publication en français chez Sabine Weispieser d'un de ses romans "Crépuscule irlandais" (The Light of evening).

Ce qu'elle dit des rapports mère-fille est d'une acuité et d'une justesse fabuleuses. La façon très claire dont elle expose le processus de son écriture est également passionnant.

A écouter, en lisant les sous-titres.

 

http://www.dailymotion.com/video/xe6ovf_edna-o-brien_news

 

Edna O'Brien 1971.jpgEdna O'Brien en 1971 - Photo  John Minihan

.

19:58 Publié dans Livre | Lien permanent | Commentaires (0)

29/09/2009

Berlusconi

"L’attuale Presidente del Consiglio italiano è l’editor migliore del mondo. Grazie a lui ho imparato un sacco di cose, senza bisogno di andare alla scuola Holden. Grazie a lui negli ultimi anni ho imparato ad avere orrore delle frasi fatte, a espellere la bassa retorica dalla mia lingua, a soppesare scrupolosamente la verità di ogni sillaba. Grazie a lui ho sviluppato un’ossessione per i rapporti di causa-effetto, per la tenuta logica di ogni paragrafo che scrivo. Grazie a lui ho espulso il narcisismo che abitava nei miei primi testi, l’ho messo fuori dalla porta come un gatto puzzolente. Che lui lo sapesse o meno, e che il suo esempio agisse in realtà per contrasto, non conta poi tanto. Il Presidente mi ha insegnato tutto quel che serviva, e lo ha fatto gratis! Bastava osservarlo e fare tutto il contrario.
…ma in realtà, disse una sera un amico esasperato durante una cena a base di cibo vegano e nichilismo politico, siete davvero convinti che, qualunque cosa sia successa negli ultimi anni, sia stata tutta colpa sua?
Decisamente no. Io scossi la testa. Ho sempre pensato a Berlusconi come a un problema linguistico, e il problema linguistico oggi è di tutti. Anche dell’Europa che ride tanto di noi.
Il problema linguistico occidentale è quello di una vita sempre più flessibile, multipla, frammentata, una vita-collage di identità provvisorie cui corrispondono, per mancanza di tempo e risorse, esperienze sempre più standard. Lungi dal portare a una comprensione dell’esistenza più estesa e profonda, la moltiplicazione delle identità (dai mille lavori che uno fa per sopravvivere, agli ambienti sociali più vari e disgregati che ci si trova a frequentare) porta a esperienze sempre più brevi, standardizzate, fatte di contatti superficiali e frasi fatte. Una vita composta di frammenti precotti. Di parole innocue, di frasi da montare e smontare senza dolore come un mobile dell’Ikea."

Marco Mancassola, La lingua italiana dopo Silvio Berlusconi

Il sito di Marco Mancassola : http://www.marcomancassola.com/

Ed ecco dove ho trovato questo testo fantastico : http://luccone.splinder.com/tag/altri+altrove

23:47 Publié dans Livre | Lien permanent | Commentaires (0)